Polter-Gay domenicale [ovvero, il manufatto asimmetrico express]

Amiche, ma soprattutto amici

Questo weekend il vostro fruhling preferito ha boicottato le varie manifestazioni di cui è infuocata la città da mesi (che poi, con sta mania di chiamarle con l’iniziale del mese, tra 15M, 14N, 13O, 25N quando mi chiedi l’ora ti rispondo a monosillabi), per programmi ben più frivoli ed ameni, e ci siamo diretti verso la mostra dedicata a Jean Paul Gaultier (gratis al Mapfre fino al 6 gennaio, per chi bazzicasse da ‘ste parti, magari senza scroccarmi casa, eh)

Foto: Elle

© Elle

Ora, magnifici il montaggio, i manichini parlanti e le foto di La Chapelle, ma che volete che vi dica… a noi ‘ste pacchianate proprio non ci vanno giù e mentre percorrevamo le sale abbiamo iniziato a sudare freddo.

No, non erano i noodles di cui abbiamo fatto indigestione in Asia (che, per inciso, il nostro stomaco non ha ancora smaltito del tutto), ma un sentimento di rabbiainvidiafrustrazione contro ‘sta checca che confeziona capi ad minchiam mischiando santini, lattex e marinaretti, quando sui red carpet dovremmo starci noi in compagnia delle Manufattucchiere, che siamo le autentiche enfants prodige dell’era choosy.

Indi ragion per cui siamo corsi a casa, diretti verso la Singer, per confezionare in fretta e furia un capo express.

L’abito impaziente pecca d’ ὕϐρις, se ne frega del cartamodello, fa una pernacchia agli schemi de La mia boutique a cui siamo abbonati da anni, salta i preliminari più basici del taglia-cuci, aborre addirittura il limone e va dritto al sodo, preferendo sovrapporre un vestito dell’accaemme su tessutino elasticizzato 2X2 mt e darci dentro di forbici con spocchia e noncuranza.

Il manufatto express non richiede né provoca sbatti, va con tutti senza troppe menate e quando incrocia un candido ed ingenuo cartamodello lo dribbla alla grande, salvo mandargli poi pentito un messaggino a tarda notte del tipo ‘non è per te, è per me’.

Non sapevamo bene cosa volessimo fare, ma – vuoi la suggestione per le righe, vuoi la foga dei 20 anni (?), vuoi la confusione sessuale generata da cotantanta pioggia di androgini- alla fine ci è uscito questo tubino asimmetrico, perfetto per una domenica bestiale:

Ma vediamo le fasi di lavorazione

Completa l’opera nastrino di raso a fondo gonna per evitare l’orlo classico, impossibile su tessutino scivoloso (je possino…)

*

Tempo di lavorazione: 4 ore

Iniziato un sabato sera prima del concerto dei GangsterSwing, e finito la domenica mattina in pigiama dalle 8 in poi, per la gioia delle 4 inquiline. ‘Oh scusa, ti ho svegliato?’ è la frase da sparare con occhioni cerbiattosi, quando arrivano in salotto guardandoti in cagnesco, mentre ci diamo che ci diamo sul pedale della macchina da cucire.

*

Tornando alla mostra, ecco qualche scatto (di sgamo con l’iPhone)

Alors, che ve ne pare? Je famo o no un pippone al Gian Pollo Gualtiero?

[Per la cronaca, al Mapfre c’è anche la mostra Retratos, che ripercorre i secoli XIX e XX attraverso 80 ritratti provenienti dalla collezione Pompidou: assolutamente imperdibile. Tra i grandi nomi, Modigliani, de Vlaminck, Adami, Picasso, Bonnard, Gonzalez, Arikha, Soutin, ….  e lui, il nostro preferito ever: Balthus]

***

Colonna sonora: Gangster Swing, ‘Just one of those things’

***

Per acquisto abito, maggiori info sulla mia vita e donazioni di denaro e cibo:

fruhlingdesign@gmail.com

Annunci
Comments
7 Responses to “Polter-Gay domenicale [ovvero, il manufatto asimmetrico express]”
  1. AnaR ha detto:

    Me encantaaa

  2. Alice Janis ha detto:

    tu sei in pigiama, ZOZZA!

  3. Andrea ha detto:

    Standin Ovation per il titolo. Ma anche il Gian Pollo non scherza

  4. elelandia ha detto:

    Wow!! non solo abito stupendo, ma anche un pratico “impara un pò ad usare quella macchina da cucire stupida idiota” perfetto per me (il stupida idiota lo aggiunto io…due macchine da cucire in casa e mai voglia di sbattersi per usarne una…oltretutto una è vecchio modello e manca di cinghia..l’altra si incastra il filo sotto…somma il karma è contro di me 😛 )
    altro che una pippa gli fai anche le scarpe al Gian Pollo 🙂 (che cmq si dava da fare anche lui)

  5. Ilaria ha detto:

    meraviglioso: post, lui, tu, abito e mostra.

    brava

    http://nonsidicepiacere.blogspot.it/

  6. Vero ha detto:

    Ma chI seeeeei? Senza cartamodello io non so da che parte iniziare, non che con sforni meraviglie^^
    mi piace un sacco il manufatto asimmetrico e che figata di mostra!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

  • Copyright ©2016Fruhling Tutti i diritti riservati
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: